Gianni mi fai una foto?

Gianni mi fai una Foto?

Un grande Fotografo tenta di rubarmi i Pensieri più nascosti.

Ph Gianni Caon – Dolomiti Ottobre 22. (primo scatto)

Pubblicità

Quando termina un Amore e..

.. Ne inizia un altro..

.. Oppure, forse, un’opera si fonde con la nuova ed ognuna ha bisogno di essere amata da qualcuno ma, se ciò non fosse, può anche rimanere nel mio Studio.

Un atto d’amore, un’opera appunto, non può essere ceduta se l’acquirente non dimostra di amarla.

Sento la fretta del tempo che ti vede.

Corre, va veloce.
Non sono sinceri gli attimi.
Chi non ti guarda negli occhi non può essere sincero.
Gli attimi non ti guardano mai!
E per questo che ancora non cosciente della cosa ho iniziato a dipingere.
Scorso secolo, scorso millennio.
La fortuna decise per me è nei primi anni 60, ancora decenne, la mostra dei Cento Pittori di Via Margutta a Roma insieme ad importanti Artisti.
Poi Londra, Parigi, Miami e via viaggiando.
Oggi guardo gli “Attimi” negli occhi nel mio Studio Romano e mi confronto con le mie forme, I miei colori, I miei sogni.

Prendete il Vostro tempo e circondatevi di “Cose Uniche”

Settima Puntata di “Datemi la mano ed Andiamo”

Live in the store.

Datemi la mano ed andiamo.

Il mondo magico degli oggetti che servono per dipingere si sta ormai aprendo a voi.

Abbiamo attrezzato il nostro tavolo, parlato dei #pennelli, dei pigmenti, ed ora con tutto ciò scopriremo qualcosa sulle superfici sulle quali dipingere.

Le carte, tanti tipi di carta, ognuna con delle sue peculiarità: assorbenza granulosità, peso, sintetiche, di puro cotone e tanto altro che un Manuale non basterebbe.

Carte Sintetiche o naturali?

Un mondo da scoprire.

La vostra sperimentazione sarà importante.

Per ogni ulteriore informazione scrivetemi e vi risponderò.

L’arte è il cibo dell’anima.

Datemi la mano ed andiamo

5/19

Live in the store.

Datemi la mano ed andiamo.

Una delle cose più importanti per un pittore alle prime armi è avere le informazioni esatte su ciò che occorre per iniziare.

Il pelo dei pennelli ha un’importanza superlativa per il pittore. Secondo la sua capacità di trattenere il colore può essere giusto per l’una o l’altra tecnica.

Il Pennello con setola di maiale è indicato per la pittura ad olio o altre tecniche con colori molto corposi. (sempre poco indicato per i dettagli nella pittura).

Pelo di bue, ed a salire, quelli di martora, ottimi per qualsiasi tecnica ad acqua (possibilità di dipingere anche in modo molto dettagliato).

Pennelli con pelo sintetico, ottimi come rapporto qualità prezzo, e molto vicini alla martora (ovvero il top dei top).

Per ogni ulteriore informazione scrivetemi e vi risponderò.

L’arte è il cibo dell’anima.