LA ROBE PERDUE

Care Amiche ed Amici, é ufficiale….. Tutti con me all’ Emporio Delle Arti. per due serate ed una pomeridiana da non perdere.

Note di Regia:

un artista affermato, francesco, una giovane modella, violante, 
il giovane amico dell’artista, anselmo, e… viola, l’amica di sempre,
parlano, parlano e parlano ancora ma nessuno ascolta l’altro…
fulmine a ciel sereno l’arrivo di valentine,
da un passato mai passato porta tutti in un’altra dimensione

lei—tra il sogno e la realtà, una realtà non facile da accettare… forse,
ma pur sempre realtà, tanto che francesco si racconterà:
“ditemi ancora che la vita è un pendolo,
che la vita è solo dolore,
no: la vita è speranza,
la vita è forza, l’amore è…”

una scrittura ricercata, a tratti irriverente quella di daniele becker,
che permette alla regia, al compositore delle musiche ed agli attori tutti
di spiazzare di continuo anche lo spettatore più attento

CENA + SPETTACOLO: 20E
Prenotare a: 06 7853143
Si consiglia di prenotare, chè i posti non sono molti.

Annunci

Una bella critica per un progetto interessante. Gianni Caon e me, uniti.

04891412-FBCB-4397-AD0A-95627D2D0380ABOUT US – Gianni Caon

ARTISTIC PICTURE PLACE

 

Gianni Caon – photographer

Castelfranco Veneto (TV) in 1955.

Atmospheres suspended in time: this is how the works of Gianni Caon can be defined, which immediately affect the characteristic photographic cut. The saturated colors, the whites and the exasperated blacks of Gianni Caon’s photographs contrast with the everyday life of the immortalized scenes: views of cities of art like Florence, Venice and Rome, alpine and coastal landscapes merge to create a unique tonality and place. The photographs focus each one on a specific detail: Caon’s attention is focused on capturing the light of places, whether they are the rays of the sun reflecting on the mountains or the crystalline mirror of water.
It is very important to be able to capture the exact moment to capture the perfect shot, because the photographs are created through a very special technique: it simulates the creation of an overview through the use of continuous shots, which are then analyzed and juxtaposed to each other , like many pieces of a mosaic.
Very interesting is the collaboration with Stefano Zampieri, who with his pictorial style highlights even more the eternity of the places photographed. Thanks to the dense and decisive brushstrokes, which blend perfectly with the many net contour lines of the images, Zampieri creates static atmospheres, suspended in time, almost “historicized” in their majesty: the observer can therefore immerse himself and abandon himself totally to the painting, a synthesis of the perfect fusion between photography and painting.

Francesca Stocco, Dr. in History of Arts

Il mio Studio oggi si presenta cosí….

Quella della creatività é una favola….

Essere creativi vuol dire sudare cercare riproporre e sapere sapere sapere.

Ascoltare ascoltare ed ancora ascoltare e quando non se ne può più….ascoltare ancora, rubacchiare con gli occhi, quelli veri e quelli dell’anima.

“Parlano del mio Studio”

https://www.leggo.it/italia/roma/stefano_zampieri_roma_via_silla-3232914.html

Open Studio – 28 Ottobre